Rafiullah

Raffaele Favero | 2006 | Rafiullah.
Via da Milano, fra i mujaheddin

rafiullah_ht

Le sensazioni alla lettura del libro sono contrastanti: da un lato l’ammirazione per la straordinaria figura di Raffaele, partito da Milano nel 1967, che ha trovato lungo l’Hippie Trail la conversione e si è integrato con il popolo afghano fino alla tragica fine nel 1983 durante l’invasione russa. D’altro canto la monotonia di un romanzo composto quasi integralmente dalle sue lettere alla famiglia in Italia, prima con continue richieste di denaro poi con la descrizione degli avvenimenti ordinari della propria vita in Australia.
In una delle ultime lettere la moglie scrive alla famiglia: “I suoi bisogni sono di spiritualità, di bellezza, di cose eccitanti e nuove, di apprendimento e accrescimento dei suoi saperi del mondo”.

Torna su