Viaggio all’Eden (Guida)

Marco Amante – Luigi Guidi Buffarini | 1973 | Viaggio all’Eden

eden_ht

‘Viaggio all’Eden’ si apre con un incipit onirico e surreale sul percorso fisico e mentale del viaggio:
“Andando verso il Gange si risale il fiume della vita. Ai bordi della strada, sfilano lentamente gli altopiani brulli dell’Anatolia, i deserti polverosi dell’Iran e dell’Afghanistan, i paesi di fango che l’Occidente ha cancellato dalla memoria e che tuttavia esistono, le umide pianure del Pakistan e dell’India, le città sacre dell’induismo, le montagne incantate del Nepal. E intanto, spiando se stesso con l’aiuto della canapa, il viandante vede un altro universo sfilare. Vede i suoi sogni sepolti sorgere dal buio profondo e tingersi di rosso e di altri cento violenti colori, vede l’erba brillare, soffusa da una aureola luminosa, accoglie il caldo vento del deserto come la sua stessa pelle, il suo stesso respiro.”

Le descrizioni delle città attraversate sono sintetiche e per molte tappe illuminanti:

  • “Istanbul la chiamano l’imbuto, la città d’Oriente ai margini dell’ignoto mare dell’Asia.”

Torna su